Giovani e prima casa: perché è bello parlarne adesso

da | Mar 3, 2022 | DATI MERCATO IMMOBILIARE | 0 commenti

Prima dell’entrata in vigore del Sostegni Bis, il decreto che ha introdotto il Fondo di Garanzia Prima Casa, comprare casa per i giovani poteva essere alquanto complicato.

Beninteso, comprare casa è una scelta importante a ogni età, è ‘l’investimento degli investimenti’ per milioni di famiglie italiane, ma per i giovani rappresentava qualcosa di complesso dal punto di vista economico, perché spesso impossibilitati a versare il 20% della quota capitale del mutuo concesso.

Quando si acquista casa, le banche finanziano solitamente l’80% della quota capitale, quindi disporre del restante 20% cash poteva essere un serio problema, in quanto i giovani erano privi di risparmi o di garanzie.

Ora, con il Fondo di Garanzia Prima Casa chi non ha ancora compiuto i 36 anni e ha un Isee inferiore ai 40mila euro (ne parliamo approfonditamente qui) i giovani possono beneficiare di una garanzia statale sull’80% della quota capitale.

In altre parole, lo stato si sostituisce ad altri garanti e agevola la concessione di prestiti che gli istituti di credito avrebbero considerato altrimenti rischiosi.

Vi sono quindi altri benefici, come l’imposta di registro gratuita, così come l’imposta ipotecaria e catastale, l’Iva al 4% se si acquista casa dal costruttore che diventa credito di imposta e l’esenzione dall’imposta sostitutiva dello 0,25% sul finanziamento richiesto in caso di acquisto, costruzione o ristrutturazione dell’immobile prima casa.

Ora, è bene definire come si sta muovendo questo mercato e per farlo si può guardare all’analisi di Immobiliare.it, che ha definito come nel 2022 i mutui ai più giovani rappresentassero il 41,5% del bacino erogato, percentuale che a inizio 2022 si è attestata al 48%, quindi con un aumento biennale del +6,4%.

giovani e acquisto prima casa

Giovani e prima casa: l’interesse aumenta del 10%

I dati riportano una crescita delle richieste di mutuo under 36 stabilmente positiva per quanto riguarda l’erogato medio, che si pone a circa 120mila euro, con il loan to value, ovvero il rapporto tra l’importo del mutuo concesso  e il valore del bene che il beneficiario del prestito intende porre a garanzia supera spesso la soglia dell’80% del valore totale del bene immobile.

In termini di interesse, i giovani che desiderano acquistare casa oggi, rispetto al periodo pre-agevolazioni sta aumentando del circa il +10%.

Non si tratta di percentuali eclatanti, perché come detto acquistare casa è una delle scelte più importanti della vita, ma che può essere favorita in questo periodo storico, dove i tassi sono piuttosto bassi, i prezzi delle case stanno salendo ma non in modo troppo elevato.

L’acquisto della prima casa da parte dei giovani è anche una scelta di forza, di speranza.

In un periodo traballante come quello attuale, comprare casa significa investire nel futuro.

smart home

Il futuro nella smart home

Oggi gli italiani sono consapevoli di cosa cercano da un’abitazione, perché hanno compreso che la casa sta diventando molto di più di un alloggio, ovvero un rifugio, un posto dove lavorare e prendersi cura di sé stessi.

Non stupisce che una recente ricerca della Doxa abbia dimostrato come la smart home abbia ripreso a correre registrando una crescita del 29% rispetto al 2020, raggiungendo quota 650 milioni di euro.

Le persone ricercano elettrodomestici e supporti che aiutano a vivere meglio, dagli aspirapolvere di ultima generazione ai purificatori d’aria, fino agli smart speaker e al comparto delle caldaie, dei termostati e dei condizionatori connessi per la gestione del riscaldamento e della climatizzazione.

Questi elementi hanno registrato una crescita del +45% rispetto al 2019, diventando il comparto che cresce di più nel mercato della smart home, sicuramente favorito dalla vendita di caldaie connesse, abbinate ai termostati smart, che beneficiano di incentivi Superbonus ed Ecobonus.

Questo il macro quadro giovani e prima casa di inizio anno, che merita di essere monitorato sia per comprendere i benefici della manovra fiscale, ma anche perché può dare il polso della situazione generale in termini di fiducia e investimenti nel futuro.

Stai cercando casa a Lodi? Vuoi vendere il tuo immobile? Contattami qui con fiducia.

Giovani e prima casa: perché è bello parlarne adesso
blank
Share via
Copy link
Powered by Social Snap